Il passato é una terra straniera

ptsloTrasposizione del celebre romanzo di Gianrico Carofiglio, definito dal Times “indimenticabile, di amara redenzione”, vede la regia di Daniele Vicari e la presenza di attori quali Elio Germano, Michele Riondino e Chiara Caselli. Distribuito dalla Fandango é stato presentato al Festival internazionale del cinema di Roma il 31 Ottobre 2008. E’ stato piacevole scoprire che le musiche dei Radiodervish accompagnano il film, un pò strano invece notare che é il terzo film tratto da un libro che vedo nel giro di un mese!

Giorgio (Elio Germano) è uno studente universitario modello, figlio di una coppia di intellettuali borghesi, che studia giusrisprudenza ed aspira a diventare magistrato. Ha una fidanzata, Giulia, della quale non si capisce se è innamorato, sembrerebbe piuttosto annoiato ed insoddisfatto del rapporto che ha con lei. Una sera, ad una festa, conosce Francesco (Michele Riondino),  soccorrendolo durante una rissa, baro di professione col quale stabilirà subito un rapporte di forte amicizia e complicità. Giorgio, infatti, comincerà una vera e propria discesa agli inferi che, insieme a Francesco, lo porterà a spostarsi da un tavolo da gioco all’altro, tra ville sontuose e bettole senza nome, avendo come avversari avvocati prestigiosi o uomini senza nome. Presto i due accumuleranno un bel bottino, grazie anche all’insegnamento dei trucchi del mestiere di Francesco, e la loro caduta si spingerà sempre più in basso, tra relazioni con donne sposate ed uso di stupefacenti, fino a toccare violenze inaudite nei confronti di una ragazza che subirà uno stupro e il traffico internazionale di stupefacenti.

Ma sarà proprio allora, proprio quando Giorgio avrà raschiato il fondo, che si renderà conto che quella non può essere la sua strada, e forse preso da un senso di colpa riuscirà a salvare una ragazza dalla violenza e dall’imminente stupro da parte dell’amico Francesco. E forse ancora divorato dai sensi di colpa non si opporrà alla violenza dei poliziotti che, convinti fosse lui lo stupratore, lo colpiranno ripetutamente fino a sfigurargli il volto!

Tutta la storia si svolge in una Bari forse troppo stretta per i due protagonisti, attraverso un viaggio a ritroso che un Giorgio ormai magistrato fa dopo aver incontrato proprio la ragazza che salvò quella sera dalla furia di Francesco. Nessuna parola viene pronunciata da Giorgio, solo un volto asciutto, rigido, raggelato, con uno sguardo fisso, quasi vuoto lo rappresenta,  come a voler dire che quel passato riportato alla mente da quella ragazza è ormai un terra straniera!

Non credo si possa parlare della trasposizione di un romanzo di formazione, anche perchè il finale, che riprende l’inizio, dà l’idea di un Giorgio affatto felice e rinnovato. Credo che l’intenzione del regista fosse quella di focalizzare l’attenzione sul momento, su una fase della vita di questi ragazzi, e di Giorgio in particolare, che rimane attratto da un lato di sé più oscuro e “leggero”, fino a rimanerne completamente schiacciato, tanto da non farsi problemi per il gioco d’azzardo o per aver barato (che è illegale e lui lo sa bene), per una storia con una donna molto più grande di lui e sposata, per l’uso di droghe, per la violenza che infligge ad una povera ragazza. Come se a compiere quei gesti non fosse lui, ma un “altro” Giorgio, uno che al mattino si alza e quasi non ricorda ciò che ha fatto la notte prima.

Non credo si possa parlare di redenzione finale del personaggio, quanto piuttosto di presa visione di un momento importante della sua vita che lo cambierà per sempre!

La coppia Germano/Riondino a mio avviso ha funzionato bene, entrambi molto bravi e ben equilibrati, anche se ho visto un Riondino un pò più calato nella parte di Germano (per esempio in Francesco si poteva sentire una certa flessione dialettale che in GIorgio non era affatto presente), ma in definitiva mi è sembrato un bel film. Da vedere!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: